EVOCAZIONE E INVOCAZIONE

EVOCAZIONE E INVOCAZIONE: DEFINIZIONI E DIFFERENZE
Abbiamo detto che con il termine spiritismo – se non altro nella sua accezione classica – vogliamo intendere la pratica di evocare i morti. Ma in che cosa consiste, di preciso, la pratica evocatoria, e in che cosa differisce dall’invocazione?

Cominciamo col dire che l’invocazione (dal lat. in-vocare, «chiamare a sé») rientra nell’ambito della preghiera e, anzi, può definirsi un’espressione stessa della preghiera. Ad esempio, noi invochiamo direttamente Dio ogni qualvolta lo preghiamo (lo supplichiamo); ugualmente quando preghiamo o supplichiamo i santi domandandone l’intercessione. Sintetizzando potremmo dire che l’invocazione serve a stabilire una comunicazione di tipo spirituale.

L'evocazione spiriticaPer contro possiamo affermare che l’evocazione (dal lat. ex-vocare, «chiamare fuori» o «chiamare da») non tende  affatto a stabilire una comunicazione di tipo spirituale: essa si prefigge lo scopo di ottenere una qualche manifestazione sensibile da parte delle entità spirituali con le quali si cerca di entrare in contatto.

La Commissione dottrinale del Concilio Vaticano II definì l’evocazione come un metodo «con cui si cerca di provocare con tecniche umane una comunicazione sensibile con gli spiriti o le anime separate [dei defunti – nda] per ottenere notizie e diversi aiuti».[1]

Con l’evocazione è come se si tentasse di produrre un «movimento locale» degli spiriti, una specie di allontanamento dal loro naturale «ambiente di vita» affinché si manifestino nel nostro.[2] Niente a che vedere con l’invocazione.

Saper distinguere tra evocazione e invocazione è molto importante, perché spesso è proprio in base a questa discriminante che si può stabilire la liceità o meno – da un punto di vista cattolico – di una determinata pratica.

______________________________

[1] Riportato dalla Pontificia commissione teologica internazionale all’interno del documento Alcune questioni attuali di escatologia (1992), in Enchiridion Vaticanum, 13/531.
[2] Cf. François-Marie Dermine, Carismatici, sensitivi e medium, Edizioni Studio Domenicano, Bologna 2010, 212.


Link interni:
Vendita Rosari on line
La Croce-Medaglia di San Benedetto
Il Crocifisso del Perdono
Il Crocifisso col breve di Sant’Antonio

PRINCIPALE
LIBERACI DAL MALE - Home LIBERACI DAL MALE

PUBBLICAZIONI
Spiriti Maligni
Spiriti Disincarnati
L'amore non è un sentimento

ESORCISTI IN ITALIA
Dove trovare un Esorcista?

CONCETTI CHIAVE
L'esistenza del diavolo

Esorcista - Esorcismo
• Gesti e segni nell'Esorcismo

Preghiera di liberazione
 Preghiera di liberazione: aspetti pratici

Azione ordinaria e straordinaria
La possessione diabolica
Sintomi possessione - Classi di demoni
Cause di impedimento alla liberazione

RIMEDI AL MALE
La conversione
La Confessione
La preghiera
L'Eucaristia
La Sacra Scrittura
Il digiuno cristiano

SPIRITISMO ESOTERISMO
Paranormale e Parapsicologia

Spiritismo - Evocazione defunti
Spiritismo pseudo-cattolico
Metafonia (Psicofonia)
Il Reiki - testimonianza
La scrittura automatica
Le condanne della Bibbia
Le condanne della Chiesa
Evocazione e invocazione
Occultismo ed esoterismo

APPROFONDIMENTI
Glossario Magico-Demonologico

I laici possono fare Esorcismi?
Esiste il male assoluto?
Il potere di Satana
La tentazione diabolica
Magia bianca e nera, Magia rossa
Il Maleficio - La Fattura - Il Malocchio
Maledizioni generazionali
Il patto col diavolo
La preghiera magica
Il Canto e la Preghiera in Lingue
I Dieci Comandamenti

SACRAMENTALI
Acqua, olio, sale benedetti
Crocifisso del Perdono
Croce-Medaglia di San Benedetto
Crocifisso col Motto di Sant'Antonio

PREGHIERE E PIE PRATICHE
Il Santo Rosario Mariano
• Preghiere di Liberazione dal Male
Devozioni e Pie Pratiche Cattoliche

 

Pin It on Pinterest

Shares